Art.raverso i miei occhi

Aggiornato il: 30 dic 2020

Sono fermamente convinto che esista un'altra DIMENSIONE!!!

Tranquilli, vi assicuro che questo è il blog di un fotografo, quindi potete sedervi comodamente e rilassarvi, magari con una bella tazza di tè caldo, e leggere questo racconto che ho scelto di condividere con voi.

Voglio mettere in chiaro, sin da subito, che non intendo trattare argomenti tecnici, nè tantomeno fare il guru della fotografia, ma voglio creare con voi l'intimità virtuale di un flusso di pensieri, ragione per cui, a mio avviso, un vero blog sarebbe principalmente fatto.

La neve scende lentamente mentre sto scrivendo questo articolo, e negli speaker del mio pc risuonano le note della mia band preferita. Il mio passato di musicista mi fa vivere la musica in una maniera unica: riesco a percepire tantissime sfumature nell'esecuzione di un brano, dal vibrato della voce, all'armonizzazione di certe note, le quali, ascoltate assieme, mi catapultano in una DIMENSIONE parallela. Il mondo attorno a me diventa opaco e vivo solo nel mio piccolo spazio, fatto di emozioni. Incredibile, come le orecchie possano essere il mezzo di tali sensazioni, vero?

Ebbene, con gli occhi funziona esattamente allo stesso modo!

Di sicuro, almeno una volta nella vostra vita, vi sarà capitato di unire i pollici e gli indici delle vostre mani, a formare un rettangolo, per isolare un oggetto o una scena dal tutto il resto: ecco che vivete una piccola parte di mondo, grazie ai vostri occhi! Sicuramente vi stareste chiedendo: "Beh, e quindi? Dove sta questa DIMENSIONE parallela?". Il resto della magia lo fa la vostra fantasia!

Provate ad unire i pollici e gli indici delle vostre mani.

Fatto?

Bene, immaginate che la porzione di mondo inquadrata sia lo scenario di un film e le vostre mani un televisore. Lasciatevi trasportare, spostate le mani, inclinatele, avvicinatevi o allontanatevi. Ora è la vostra fantasia a lavorare e vi sta accompagnando nella vostra DIMENSIONE parallela! Lì potete raccontare quello che vi pare, vivere quello che vi pare, ma soprattutto starci quanto vi pare!

Io, da bravo fotografo, faccio la stessa cosa con la mia macchina fotografica, e ho creato la mia DIMENSIONE, che ho chiamato "ART.RAVERSO I MIEI OCCHI".

Lasciate che vi racconti come l'ho scoperta...

Questa dimensione nacque poco tempo fa, durante un'escursione a Castelluccio di Norcia, nel periodo della fioritura delle lenticchie. Al termine di un tragitto, che si snodava su strade tortuose e decine di tornanti, affrontai l'ultima curva e all'improvviso mi ritrovai catapultato in un luogo magico! La strada proseguiva in discesa, scendendo dolcemente verso il Pian di Castelluccio, il quale era racchiuso in un'immensa cornice formata dai Monti Sibillini. In questo caso erano proprio quelle montagne i miei "pollici e indici".

Profondamente colpito, volli fermarmi e scendere dall'auto, il prima possibile.

Frettolosamente parcheggiai in una delle tante piazzole a bordo strada, attratto dall'irresistibile fascino di quel luogo. Avevo con me sia la macchina fotografica digitale che quella a rullino, ma la fretta me le fece dimenticare a bordo. Aprii la portiera e venni investito da una brezza gelida, nonostante fosse luglio. Alzai lo sguardo e vidi uno spettacolo da far restare a bocca aperta: davanti a me la vallata, in tutto il suo splendore e, nonostante i numerosi visitatori, un silenzio surreale. In fondo vedevo le persone piccolissime e distantissime, letteralmente immerse in un'altra DIMENSIONE. In quel momento decisi di prendere la macchina fotografica e di fare clic.



Questo è stato "l'Attimo zero", da cui tutto è partito: l'attimo che mi ha permesso di capire quanto semplice fosse crearsi un'altra DIMENSIONE con gli occhi; i miei occhi, e di trasformarla in Arte usando la mia fantasia.

ART.TRAVERSO I MIEI OCCHI prese forma, semplicemente, e via via crebbe, con nuove foto di nuovi luoghi.

Desidero portarvi per qualche attimo nella mia DIMENSIONE, creata fotografando e manipolando le immagini a modo mio, in base alle sensazioni che ho vissuto nei momenti come quelli di Castelluccio.

In questa favolosa DIMENSIONE abbandono ogni vincolo imposto da tecniche o canoni fotografici e mi concedo un'assoluta libertà di espressione, sia nell'utilizzo dell'attrezzatura fotografica che nel software di sviluppo digitale.


Cliccate qui e godetevi il viaggio.


Grazie del vostro tempo e arrivederci al prossimo articolo!


Alex Girardi




19 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

...e buio fu.